WHAT'S NEW?
Loading...

IL SALONE DI BELLEZZA ENTRA NELL'ERA 2.0 CON L'ORÉAL


Negli ultimi anni i saloni di acconciatura non hanno subito particolari evoluzioni, sono rimasti uguali a se stessi, non allineati con le novità introdotte nel mercato e le nuove esigenze dei consumatori di oggi molto più informati ed esigenti.

L'Oréal ha deciso di innovare questo settore puntando sulla tecnologia nel mondo della bellezza con l'innovativa proposta del “salone digitale” denominata "Salone Emotion 2.0".

Il nuovo approccio cliente-salone viene scandito in sette tappe, ognuna delle quali può vivere in autonomia, ma ha la sua completa realizzazione con quelle che la precedono o la seguono:
  1. Vetrina
  2. Accoglienza
  3. Diagnosi
  4. Back bar
  5. Area Tecnica
  6. Shopping
  7. Check-out
Le 7 tappe del nuovo "salone digitale"
La Vetrina diventa il primo momento d’interazione con il cliente, è progettata affinché colpisca  il cliente e gli suggerisca attraverso dei video con call to action i servizi professionali e le offerte del salone.

Gli schermi interattivi all'interno del salone di bellezza
In questa tappa il digitale si esplica grazie a dei monitor, gestiti da remoto, sui quali girano  video costantemente aggiornati in streaming, rendendo la vetrina 2.0 in quanto capace di instaurare un dialogo con le clienti di passaggio.

Nella parte centrale e operativa del salone che va dall'accoglienza allo shopping l’impatto del digitale è decisivo. Le tecnologie permettono all’hair stylist di capire a pieno le esigenze dell’utente che, attraverso dei device connessi, può indicare con precisione colore e taglio prescelti, da una serie pressoché infinita di immagini.

Ogni cliente, inoltre, ha una sua scheda in cui sono elencati non solo i servizi effettuati nel tempo, ma anche le caratteristiche del capello e del cuoio capelluto in modo da poterne monitorare lo stato e conoscere immediatamente quali sono i prodotti da consigliare.

Uno dei nuovi allestimenti 2.0
Informazioni che sono condivise con tutti gli operatori del salone, che sanno sempre con chi hanno a che fare e a che punto del processo sia il cliente. Individuati i prodotti con il barcode, nella tappa dello shopping, il cliente può valutare se acquistarli a seconda delle necessità, delle caratteristiche e del prezzo degli stessi.

Un servizio dettagliato è una garanzia di performance per il cliente, ma anche per l’operatore che è sicuro di rispondere alle necessità e di sperimentare una nuova forma di fidelizzazione.


Relazione che si rafforza nella parte finale del percorso quando il cliente può mandare in rete i suoi selfie con il nuovo look, condividerle sui social e aumentare la notorietà del salone stesso.

Salone Emotion 2.0 intende dunque modernizzare l’offerta e renderla contemporanea, in grado di rinnovare l’esperienza del cliente e di facilitare il lavoro del professionista.

0 commenti:

Posta un commento